mercoledì 1 Dicembre 2021
NEWS:
Home > Uncategorized > Radiotecnica in Pillole: Simple Noise Limiter

Radiotecnica in Pillole: Simple Noise Limiter

Avvicinandosi il periodo invernale, anche a causa dell’accensione del riscaldamento centrale nei palazzi cittadini, le preziose orecchie degli appassionati di Radioascolto sono messe a dura prova da una gran quantità di disturbi, per lo più disturbi impulsivi che si sommano a quelli dei motori degli ascensori e ad altre fastidiose scariche che arrivano da altri aggeggi e da ogni dove, tale somma di disturbi è a volte talmente fastidiosa che può far desistere dall’Hobby del Radioascolto. I fortunati possessori di apparati di classe che hanno all’interno ogni sorta di circuiti (Noise Blanker, Noise Limiter, Filtri Audio e chi più ne ha ne metta) non necessitano di particolari aiuti, ma se tralasciamo questi fortunati, come possiamo fare per difenderci da questi dannati disturbi?

Lo si spiega bene nel libro dedicato ai “Radioamatori Novizi” dal titolo “Understanding Amateur Radio” pubblicato nel 1963 dall’American Radio Relay League. Nel paragrafo dedicato agli “Accessori per Ricevitore” viene spiegato come realizzare un semplice “Limitatore di Disturbi Impulsivi” un piccolo scatolotto da collegare all’uscita per cuffia di un ricevitore. al quale si consiglia poi di connettere una cuffia di alta impedenza da 2000 Ohm o più, ciò per ottenere i migliori risultati. L’accessorio rimane esterno al ricevitore, non comporta modifiche invasive che vadano a compromettere l’estetica o il circuito del nostro RX, è di facile costruzione anche per quelli che un tempo le Riviste di Elettronica chiamavano amichevolmente “Pierini”.

I componenti di base, come si riesce a vedere dalla pagina del libro che in foto ne riporta il semplice schema, sono pochi e di facile reperibilità e più precisamente:

N°1 Scatolotto metallico in lamiera o meglio in alluminio (più facile da forare) di circa cm. 12 X 6 X 5
N° 2 (Cr1,Cr2) – Diodi al Germanio 1N34 A (o anche di vecchio tipo 0A73, 0A90… etc.)
N°1 Jack per cuffia
N°1 Headphone Plug
N°1 Deviatore a 2 poli SI ….S2
N°1 Resistenza da Ohm 10.000 (I0K) 1/2 Watt.
N°2 Pile da V.1,5

 

L’assemblaggio è assolutamente semplice e intuitivo; se si rispettano le corrette polarità dei 2 Diodi al Germanio (che assolutamente non vanno scaldati durante la saldatura, si consiglia di proteggere i loro reofori con una pinzetta metallica o con l’interposizione di un cosiddetto Coccodrillo) e delle 2 Pile da V.1,5 e viene rispettato il giusto posizionamento del commutatore “On — ofr il piccolo Noise Limiter, una volta collegato all’uscita del ricevitore e poi alla cuffia ad alta impedenza. posizionato il commutatore su ON funziona al primo colpo, attenuando i rumori da disturbi impulsivi; se poi durante l’ascolto si nota che sulla trasmissione non interferiscono più i rumori, portare il commutatore su Off, cosi facendo il nostro Noise Limiter viene bypassato, consentendo in cuffia una normale ricezione del segnale.

Ecco, brevemente abbiamo visto un circuitino utile e davvero semplice e poiché al giorno d’oggi si fa un gran parlare di contenere le emissioni gassose, di praticare il massimo riciclo di materiali, di adottare un consumismo più rispettoso delle risorse ambientali, il cercare di ottenere i migliori risultati dal nostro Hobby con una radio magari un po’ Vintage che già si possiede, ispirandosi ai tanti articoli di vecchie riviste o ai libri come quelli dell’ARRL, che spiegano semplici migliorie con l’aggiunta di semplici accessori costruibili con le nostre abili mani, detto in buona sostanza credo sia una bella cosa che sicuramente soddisfa chi vuole cimentarsi nella costruzione, ciò senza nulla togliere a chi ama premiarsi con il meglio delle novità acquistando un RX o RTX super moderno pronto all’uso e completo di tutto. De gustibus disputandum non est! Certamente ogn’uno col suo portafoglio è libero di fare, ma credo che ancor oggi sperimentare con soddisfazione faccia sempre bene alla cultura personale e del nostro interessante I lobby. Buoni ascolti a tutti!

Testo e Foto di Lucio Bellè