lunedì 20 Settembre 2021
NEWS:
Home > NEWS > Una “Radio Mondo” di successo, la Sanyo RP-8880 – Europe version

Una “Radio Mondo” di successo, la Sanyo RP-8880 – Europe version

Prima dì parlare di questa bella “Radio Mondo’ di cui credo non ne siano rimaste molte indotazìone almeno nel nostro paese, facciamo un po’ di storia della gloriosa fabbrica Sanyo. La Sanyo Electric Company viene fondata in Giappone Sig. Toshio Iue, cognato di Konosuke Matsushita, nel lontano 1950 con sede in Mogurichi sotto la Prefettura dì Osaka. Dato che nel dopoguerra nel Giappone si ha bisogno di ogni cosa, al Sig. Toshio viene l’idea di mettersi a fabbricare dinamo per fari di bicicletta. Queste idea è la mossa vincente che consente alla neonata Sanyo di vincere un contratto di fornitura di 5000 dinamo per le biciclette dell’esercito degli occupanti americani e dei loro alleati. Questa importante fornitura consente alla Sanyo di far cassa per tenere aperti i battenti, poi grazie alla spinta data dal Senato USA che consente al Giappone ho sfruttamento del brevetto del transistor, la Sanyo pensa di convertirsi a fabbricare piccole radio e nei 1952 produce una radiolina a transistor che esportata oltreoceano in USA ha subito un buon successo di vendita coronando così il sogno del suo titolare che ha dato alla fabbrica il nome Sanyo che in giapponese significa “Tre Oceani” ciò per dare buon auspicio sperando di vendere il prodotto sui ricchi mercati esteri. Fatto sta che il successo arriva davvero, perché la Sanyo arriverà a contare nel mondo ben 230 tra filiali e sussidiarie. Nel 2005 Sanyo collabora con LG e poi nel 2010 giunta al suo apice produttivo diviene molto appetibile e viene inglobata dal colosso Panasonic; questo evento, importante dai lato commerciale, ferma però il nome Sanyo sui mercati mondiali.

Ecco, dopo aver fatto ia storia delle Sanyo, passiamo alla mutitibanda RP-8880, prodotto degli anni ’70 del secolo scorso a stato solido che io chiamo “Radio Mondo” perché è dì moda usare questo termine per indicare ricevitori multibanda di un certo impegno e questa Sanyo non è certo da meno. Le caratteristiche elettriche dell’RP-8880 sono di tutto rispetto anche l’impostazione con cui si presenta copia lo stile “Semi professionale” anche se a dire il vero i materiali impiegati non si sono dimostrati affidabili, soprattutto alcuni transistors che con il passare del tempo hanno subito un degrado tale da compromettere il funzionamento dell’apparecchio e per ripristinarlo necessitano la loro sostituzione. La radio ha uno sviluppo ìn lunghezza per bcn 47 centimetri per h. 25 e larghezza di 10 e circa 5 kg di peso senza batterie, la radio di gradevole design é contenuta in uno scafo di plastica nera.

La Sanyo è imponente e si presenta con due maniglie laterali ed un maniglione superiore per il trasporto; alimentazione rete / batterie e quel che affascina è la presenza di due belle scale parlanti a nastro con al centro una scala rotonda tipo nonio per la lettura dei kiloHertz, ciò grazie ad un Marker che serve per fare battimento per tarare dette scale. Il circuito elettrico è quello di una supereterodina a doppia conversione, dotata di antenna giroscopico e 2 lunghe antenne telescopiche rispettivamente per onde corte ed FM e prese per antenne esterne e per la terra. La copertura di frequenza è più che ampia e si estende da Khz 150 a 405, da 510 a 1.606 e più 5 gamme di onde corte andando a coprire quasi continuativamente da Mhz 1,6 a 30.La Sanyo RP-8880 è dotata di BFO e selettività variabile, guadagno di radiofrequenza e trimmer d’antenna, più tutti i soliti comandi che troviamo su una radio importante di questa categoria.

Per non rubare spazio non scendo nei minimi particolari e rimando alle foto che sono più che esaustive di mille parole. La radio è fascinosa alla vista ma soffre di degrado dei transìstors, specialmente negli stadi oscillatore / convertitore, dì scarsa affidabilità dei commutatori e di degrado dei filtri ceramici. Nonostante ai tempi superasse il costo delle centomila lire (cifra importante per allora), la qualità della componentistica si è rivelata non all’altezza delle caratteristiche che la radio vorrebbe vantare. Va notato che per l’aspetto scenografico del suo design, la Sanyo RP-8880 è apparsa nelle inquadrature di un film d’avventura. film di cui non ricordo il nome ma che a suo tempo ricordo d’aver visto in TV. Nei siti in lingua inglese e su Youtube. chi è interessato ad approfondire l’argomento può avere notizie circa questa Sanyo, a mio parere una multibanda fascinosa che però non nascondo fa tribolare molto chi ci debba mettere mano per cercare di riportarla al suo originario splendore.

Testo, Sanyo RP-8880 e foto di Lucio Bellè