lunedì 4 Luglio 2022
NEWS:
Home > NEWS > Brevi note circa manutenzione rx “Trio 9R-59D”

Brevi note circa manutenzione rx “Trio 9R-59D”

Questo ricevitore Trio per SWL e OM è una moderna e semplice supereterodina a valvole con stadio amplificatore di alta frequenza a BFO, copertura continua da onde medie a 30 megacicli, prodotto in Giappone a fine anni ’60 e importato in Italia dalla importante ditta Marcucci di Milano. Oggi a più di cinquant’anni da allora questa radio può ancora dare delle soddisfazioni, se ne trovano sui siti ed avendone io posseduto ben 4 esemplari, sull’argomento ne mastico un po’ e quindi mi fa piacere portare a conoscenza degli appassionati alcuni interventi di base affinché il “vecchietto” dia soddisfazione e goda ancora di buon funzionamento.

Dopo aver scaricato l’Operating Manual e il Tecnical Manual, utili per avere un’idea di cosa si ha tra le mani, se qualcuno non l’avesse già fatto, procurarsi la valvola stabilizzatrice OA2 e metterla nello zoccolo predisposto, ciò migliora la stabilità in CW/SSB, poi punto debole sono i commutatori “Cambio Gamma” e “Funzioni” che hanno contatti delicati facili ad ossidarsi, essi vanno puliti con spray disossidante senza esagerare per non inzuppare le bobine e i componenti vicini.

Ricordarsi poi di soffiare con bomboletta d’aria e lasciar asciugare il tutto prima di accendere il ricevitore, ciò per evitare archi di alta tensione che possono danneggiare l’apparecchio, e ricordarsi sempre di stare molto attenti con la corrente perché le scosse, come si sa, possono risultare fatali! Se nel Trio hanno messo un altoparlante interno, toglietelo, le vibrazioni causano la microfonicità delle valvole, tant’è che la Trio vendeva a parte un apposito altoparlante esterno proprio per evitare questo spiacevole inconveniente.

Altro punto critico sono gli zoccoli e i piedini delle valvole (meglio controllarle con un provavalvole), anche qui per togliere ogni traccia di ossido si lavora di pennellino e spray secco, prima sugli zoccoli e poi sui piedini delle valvole, il tutto va fatto delicatamente per non rovinare nulla, e poi bisogna soffiare con aria per eliminare ogni traccia di solvente prima di dare tensione, e inoltre se la radio è stata ferma da anni, bisogna prima sottoalimentarla con pazienza e cura per evitare guai.

Stesso trattamento disossidante sui contatti striscianti dei variabili di Sintonia e Band Spread, e poi un po’ di grasso sui cuscinetti, inoltre ricordo che per ottenere la corretta lettura di frequenza, il nonio del Band Spread va posto su 100, altrimenti la frequenza che si legge è inesatta, andando oltre pure il variabile del BFO e dell’Accordo di Antenna vanno disossidati e ingrassati, stesso discorso per i 3 schermi delle valvole che devono essere pulitissimi per fare un buon contatto con i fermi a massa, altrimenti si ha l’instabilità dell’apparecchio e si possono udire stridii.

Non mi dilungo su come fare un ricondizionamento, sostituzione di condensatori, taratura del gruppo di alta frequenza e medie, cose da esperti; se non si conosce la materia, meglio portare l’apparecchio da un bravo Radioriparatore, altrimenti si corre il rischio di pasticciare l’apparecchio rendendolo inservibile, facendo danno al cuore e al portafoglio!

Consigli: se con una ispezione si nota che i nuclei delle bobine e i compensatori sono coperti da vernice bianca e non sono stati manomessi, è un buon segno, significa che il vostro Trio non è passato fra le mani di uno “Scacciavitone”, tirate un sospiro di sollievo, è originale come tarato in fabbrica e va bene così!

Le valvole del Trio le trovate “anche in Farmacia” e a prezzi umani, e trovate pure notizie “On Line” su come schermare il trasformatore d’uscita per eliminare ronzio o addirittura posizionarlo sotto lo chassis, ed anche indicazioni per altre piccole migliorie, con un po’ di cura non diventerà un “Collins” ma comunque in rapporto prezzo prestazioni il Trio farà bene il suo lavoro !

Negli USA era diffuso tra i Dxers perché sensibile, abbastanza selettivo e con poche frequenze immagine, la sensibilità è buona fino a circa 14 megacicli, poi più su tende a calare, comunque il Trio è un concentrato di 8 kG di pura soddisfazione, collegato ad una buona antenna fa ascoltare OM, Cb e Broadcasting con sintonia dolce, una buona timbrica e con quella luce soffusa che fa rivivere una bella sensazione di altri tempi.

E’ tutto, buon divertimento davvero e buoni ascolti a tutti !

Testo di Lucio Bellè