lunedì 4 Luglio 2022
NEWS:
Home > A CUORE APERTO > A cuore aperto: Voce del Padrone 181A (1937)

A cuore aperto: Voce del Padrone 181A (1937)

Oggi mettiamo a cuore aperto un apparecchio VOCE DEL PADRONE 181A, risalente al 1937, trovato poco prima del lockdown in un mercatino dell’usato.


LATERALE

LOGO

SCALA PARLANTE – RIFERIMENTO COMMUTATORE –

SCALA PARLANTE

SCALA PARLANTE – SUDDIVISIONE GRUPPI STAZIONI ITALIANE – prossime alla fine…

Costruito in un periodo di transizione tecnologica, questo apparecchio venne presentato per la stagione 1937/38. Il circuito è classicamente supereterodina con MF a 455 KHZ. Le valvole impiegate sono di serie mista: un ottodo AK2 o WE 32 convertitore, un pentodo selettodo AF 3 o WE33 amplificatore di MF e mixer, una 6Q7G amplificatrice di BF, AGC E DETECTOR,  una AL1 o WE35 amplificatrice finale di BF ed una 5Y3 raddrizzatrice.

LOGO VDP

CONTROLLO TONALITA’


VOLUME

SINTONIA


COMMUTATORE GAMMA E FONO

ATTENUATORE LOCALE – DISTANTE

Come appare evidente, questo apparecchio impiega valvole di serie diversa e questo si deve attribuire al periodo di transizione tecnologica che caratterizzò questo preciso periodo in cui fecero il loro ingresso sul mercato le valvole OCTAL.


POSTERIORE

APERTO

TELAIO 1


TELAIO 2

VALVOLE RIMOSSE

TARGHETTA IDENTIFICATIVA E POSIZIONE VALVOLE

Prima che queste ultime potessero rimpiazzare del tutto le valvole più vecchie, i costruttori cercarono di svuotare i magazzini, costruendo apparecchi a valvole miste ed anche il nostro 181A, è figlio di quel momento. Dal suo telaio presero poi origine i modelli 518 soprammobile, 519 midget ed il mod. RG 539 radiogrammofono con push-pull in uscita, più moderni e con valvole a serie unica.

MODELLO E MATRICOLA

CAMBIO TENSIONI


TRASFORMATORE DI ALIMENTAZIONE

ZOCCOLO OCTAL PRIMA VERSIONE

PRESA ALTOPARLANTE

CONDENSATORE VARIABILE SCHERMATO

Dotato di una grande e spaziosa scala parlante, il nostro apparecchio vanta una costruzione molto ben eseguita e razionale, con componenti di qualità e montaggio ordinato e ben eseguito. Nel gruppo alta frequenza viene fatto uso di compensatori ceramici e bobine su supporto ceramico. Le gamma coperte sono due: onde medie da 560 a 180 metri ed onde corte, da 20 a 50 metri. La rivelazione avviene per caratteristica di griglia dell’ottodo WE32 che che provvede anche all’amplificazione a RF.

 

AMPLIFICATRICE DI MF – PENTODO SELETTODO – riparata….


OTTODO CONVERTITORE

VALVOLA 6Q7 PRIMA SERIE

F I V R E

CONDENSATORE VARIABILE SSR DUCATI

COMPONENTI

Dalla placca di quest’ultimo, il segnale passa al primario del primo trasformatore di media frequenza da cui viene induttivamente inviato, tramite il secondario, alla griglia del selettodo AF3 che, dopo la necessaria amplificazione, lo invia al diodo rivelatore della 6Q7. L’amplificazione finale di BF è affidata al pentodo WE 35 che eroga 3,5 watt circa.


TRASFORMATORE DI ALIMENTAZIONE – AVVOLGIMENTO –

ELETROLITICO A PACCHETTO DUCATI

UNA GIGANTESCA RESISTENZA OPHIDIA

Caratteristico di questi apparecchi, definiti anche “SERIE ELLITTICA”, è l’altoparlante ellittico, nel nostro 181 davvero enorme,  che garantisce una migliore distribuzione lungo il cono delle frequenze medie e basse ed una miglior resa su frequenze medie ed acute.


BOBINA ONDE MEDIE

IMPEDENZA ALTA FREQUENZA

ONDE CORTE

Altra caratteristica è il comando “DISTANTE/LOCALE” che inserisce una resistenza da 5000 Ohm sul primario del primo trasformatore di MF, abbassando brutalmente il segnale in ingresso nella catena di MF. Evidentemente l’apparecchio tendeva a saturare in presenza di segnali molto forti, in prossimità della emittente locale ed i progettisti decisero di risolvere il problema in questo funzionale e poco dispendioso modo.

OSCILLATORE ONDE CORTE


COMPENSATORI A MICA

COMPENSATORE CERAMICO

CONDENSATORE A MICA ARGENTATA DUCATI 104


COMMUTATORE GAMMA

CONDENSATORE A CARTA DUCATI

Sul retro troviamo lo stretto necessario: il cavo di alimentazione a rete, l’ingresso di antenna e la presa fono. Il cambio tensioni, da 110 a 275 volts, è fissato sulla calotta del trasformatore di alimentazione, cosa molto comune nelle radio VOCE DEL PADRONE di questa epoca.


MOLLA PRESSIONE SISTEMA SINTONIA A FRIZIONE

TELAIO VISTO DI FRONTE

ALTOPARLANTE E TRASFORMATORE DI USCITA

La sintonizzazione è assicurata da un condensatore variabile doppia sezione, mosso da un affidabilissimo sistema a frizione mentre l’indice è mosso tramite il classico sistema a funicella e pulegge che, anche se dovesse andare fuori uso, non pregiudicherebbe la possibilità di sintonizzare comunque l’apparecchio. Il telaio è in ferro zincato e verniciato ed anche dopo 85 anni, non presenta alcun segno di ruggine o ossido.


TRASFORMATORE DI USCITA – LOGO V D P –

TRASFORMATORE DI USCITA – CONNESSIONI –

BOBINA DI CAMPO

INGRESSO BOBINA MOBILE

BOBINA MOBILE – SOSPENSIONE –


CONO ALTOPARLANTE CON EMPIRICA RIPARAZIONE

L’audio usufruisce di un controllo di tono, classico filtro RC sul circuito di placca della finale di BF che agisce in modo soddisfacente e rende l’ascolto molto piacevole e riposante. Il mobile è di bella fattura e di piacevole linea, realizzato con l’utilizzo di impiallacciatura fatta con legni diversi.


SPINA MULTIPOLARE ALTOPARLANTE

APPUNTI SUL FONDO DEL MOBILE

TAGLIANDINO LAVORAZIONE MOBILE

All’atto della ricezione, il nostro 181A è ancora molto valido; in onde medie riceve molto bene la locale e di sera riceve bene moltissime emittenti estere, con buon audio e buona sensibilità. Sulle onde corte è selettivo e sensibile; unico neo, se così vogliamo chiamarlo, è la difficoltà di sintonizzazione delle emittenti nella parte più alta delle onde corte che, pur con l’aiuto di un sistema di sintonia molto ben demoltiplicato, risulta critica a causa della selettività troppo acuta a ad 86 anni, glielo lasciamo passare, direi. Spero che sia stato interessante per tutti vedere questo apparecchio a cuore aperto, sia per gli appassionati che per chi si sta avvicinando a questo mondo.

Paolo Pierelli