lunedì 20 Settembre 2021
NEWS:
Home > A CUORE APERTO > A cuore aperto: Hallicrafters S19 Sky Buddy (1938)

A cuore aperto: Hallicrafters S19 Sky Buddy (1938)

Il 22 agosto ho ascoltato la trasmissione con lo stesso apparecchio che andremo a vedere a cuore aperto. Si tratta di un HALLICRAFTERS S19 SKY BUDDY, ricevitore per i cosiddetti “NOVICE”, i novizi della radio e neo patentati, risalente al 1938, che ha già fatto la sua comparsa in alcuni ascolti ed oggi, visto che era spento da tempo, ho pensato che fosse il caso di accenderlo e di mostrarlo. Il segnale, con l’antenna per i 40 metri, è stato sempre fortissimo, senza fading apparente e molto stabile; così anche la modulazione, forte, pulitissima e molto presente. Anche oggi un vero ascolto da manuale, assolutamente.


SCALA SINTONIA

MODELLO E MARCA – GRAFICA PRIMA VERSIONE –

INDICE SINTONIA

DEVIATORE RICEZIONE – STAND BY


CAMBIO GAMMA

COMANDO B.F.O.

COMANDO A.G.C. o A.V.C.

INTERRUTTORE E VOLUME


PITCH CONTROL B.F.O.

Derivato dal precedente e non molto performante modello 5T, lo SKY BUDDY o S19, viene messo in commercio dalla HALLICRAFTERS nel 1938, da un’ idea di WILLIAM J. HALLIGAN, fondatore della HALLICRAFTERS, con l’intento di fornire un discreto e pratico ricevitore a coloro i quali volessero avvicinarsi al mondo della radio o a chi volesse comunque un ricevitore da avere in casa per ascoltare le onde corte ma anche i programmi radiofonici in onda media anche se il suo impiego era spesso quello di monitor di stazione per i radioamatori.


PRESA CUFFIA

SINTONIA PRINCIPALE


COMANDO BANDSPREAD

GRIGLIA ALTOPARLANTE CON LA CLASSICA “h”

SCALA BANDSPREAD

16 TELAIO – SUPERIORE –


MATRICOLA E BREVETTI

PRESA ALIMENTAZIONE TRASMETTITORE


INGRESSO ANTENNE E MASSA

Supereterodina, la sua estensione di frequenza è tipica dei ricevitori HF anche se la gamma più alta non si ferma a 30 Mhz ma termina addirittura a 45 Mhz (e siamo sempre nel 1938…). Impiega 6 valvole serie americana a piedinatura mista, spinotti e octal: 6K8, 6K7, 6Q7, 41, 76 (sostituita da una 6J5) e la classica 80 raddrizzatrice. La sintonia è ottenuta col classico sistema a sintonia principale e bandspread che non è però fatto con un variabile separato ma con un semplice verniero sul variabile principale, per ovvi motivi di risparmio, essendo l’S19 un ricevitore di fascia economica.

PANNELLO SUPERIORE RIMOSSO


CAMBIO TENSIONI A PROVA DI MANOMISSIONE

TRASFORMATORE DI USCITA


BOBINA DI CA,MPO – IMPEDENZA –

CONDENSATORE VARIABILE SINTONIA PRINCIPALE

VERNIERO DEL BANDSPREAD

TRASFORMATORE DI MF – COMPENSATORI –


ILLUMINAZIONE SCALA BANDSPREAD – unica lampadina presente-

ZOCCOLO CON SIGLA E NUMERAZIONE PIEDINATURA

Provvisto di BFO, riesce a demodulare bene sia il CW che la SSB e con l’aiuto del BANDSPREAD e del PITCH CONTROL, la sintonizzazione non è troppo difficoltosa. La media frequenza ha un valore di 455 Khz. Esiste la possibilità di escludere l’AGC e di mettere il ricevitore in stand by, tramite interruttore apposito, quando non in uso ma in realtà, questo interruttore serviva da stand by quando si fosse deciso di accoppiare un trasmettitore/eccitatore da 10 watt che poteva costituire una piccola ma efficiente stazione QRP, la cui alimentazione era prevista tramite uno zoccolo posto sul retro del ricevitore, da dove il trasmettitore prelevava le tensioni necessarie e per questo, come visibile dalle foto, il trasformatore di alimentazione è di dimensioni per lo meno doppie del necessario.

 


ZOCCOLO RADDRIZZATRICE 80
VALVOLE RIMOSSE
BOBINA PITCH CONTROL B.F.O.

PANNELLO INFERIORE – notare i fori per le tarature –

FORI TARATURA
INTERNO MEDIA FREQUENZA

LATO COMPONENTI

CONDENSATORE A MICA ARGENTATA CORNELL DUBILIER
BOBINE E COMPENSATORI OSCILLATORE

COMPENSATORI A MICA
BOBINA E COMPENSATORI AEREO
BOBINA AEREO – AVVOLGIMENTI –

La scala di sintonia è circolare e metallica, non illuminata ma illuminata è quella BANDSPREAD, graduata da 0 a 100. Il ricevitore ha lo stretto necessario per essere utilizzabile con facilità, i controlli sono molto semplici ed intuitivi ed anche i comandi sono essenziali e facili da usare. Il telaio è di metallo verniciato ed i componenti sono ben disposti e montati razionalmente e, a ben guardare, nulla cambiò nei modelli derivati da questo S19, la serie S38 in cui, a parte l’uso di valvole più moderne, tutto è disposto nel medesimo modo ed anche le bobine di oscillatore e mixer sono non solo identiche ma anche montate nello stesso punto, compensatori compresi.


BOBINA E COMPENSATORE B.F.O.

COMPENSATORI CERAMICI PADDING ONDE MEDIE

PRESA ALIMENTAZIONE TRASMETTITORE – LATO SALDATURE –


MEDIA FREQUENZA 2

COMPONENTI ORIGINALI

TRASFORMATORE DI ALIMENTAZIONE


COMMUTATORE GAMMA

DEVIATORE A SLITTA

RIPARAZIONE INGLESE…

Due gli ingressi di antenna, una per la classica filare e l’altro per la “scaletta” a due conduttori. Alla prova, il nostro S19 si difende ancora bene, è sensibile e discretamente selettivo, riesce a demodulare la ssb ed in am si comporta più che bene anche sulle frequenze prossime ai 45 Mhz e se pensiamo che, alla fine, è un ricevitore di fascia economica, con poche valvole ed un circuito semplicissimo, il risultato è più che onesto, anche 83 anni dopo.

[pdf-embedder url=”https://www.bclnews.it/wp-content/uploads/2021/09/54-HALLICRAFTERS-S19-LIBRETTO-DI-SERVIZIO.pdf” title=”54 HALLICRAFTERS S19 LIBRETTO DI SERVIZIO”]

Paolo Pierelli