lunedì 4 Luglio 2022
NEWS:
Home > A CUORE APERTO > A cuore aperto: BC-342G (1937)

A cuore aperto: BC-342G (1937)

Oltre che metterlo a cuore aperto, oggi ho pensato di raccontare la storia di un ricevitore giunto a me per tutt’altro scopo che quello del restauro o del collezionismo.


TARGHETTA IDENTIFICATIVA
NUMERO DI SERIE

LATERALE

COFANO – FORI INSERIMENTO IN RACK –

Naturalmente, è illustrato in tutte le sue parti vitali, come la rubrica vuole, ma credo sia giusto raccontarne la storia che lo ha portato a nuova vita per un puro caso. Si tratta di un BC 342G, modello piuttosto raro ed assente in tutti i manuali tecnici da me consultati e da quelli in possesso di molti amici collezionisti ed esperti. Questo modello risulta essere stato progettato dalla SIGNAL CORPS di Fort Monmouth, New Jersey ma costruito presso la PHILCO CORPORATION di Philadelphia, Pennsilvanya.

INGRESSI ANTENNA


INGRESSI ED USCITE AUDIO E TASTO

TELAIO
FILTRO A CRISTALLO

Iniziamo col dire che il ricevitore faceva parte di uno stock di rottami destinati alla demolizione per recupero di parti di ricambio destinate ad altri apparecchi dello stesso tipo e siccome ero alla ricerca di ricambi da mettere da parte per i miei 312 e 342, ho acquistato praticamente a peso questo “rottame” da demolire, insieme ad altre parti già smontate.


CALOTTA OSCILLATORE RF

CALOTTA BFO


OSCILLATORE RF – TRIODO 6C5 GENERATORE –

Messo sul banco ed aperto per iniziarne la demolizione, ho subito notato la sua diversità costruttiva rispetto ai miei esemplari e l’assenza di trattamento antifungo, la classica pellicola gialla di cui sono ricoperti questi apparecchi.


SECONDA AMPLIFICATRICE MF E AMPLIFICATRICE BF

TELAIO – POSTERIORE –

FRONT END -PRIMA E SECONDA RF E PRIMO DETECTOR –

In più, la disposizione di alcuni componenti, pur essendo evidentemente originale, era diversa dagli altri. Da qui, il fatto di spegnere il saldatore e di iniziare ad indagare su questo ricevitore e grazie ai manuali e ad amici estremamente ferrati nella storia di molti apparecchi, ho appurato che si trattasse della prima serie prodotta, risalente al 1937/38 e costruita in pochi esemplari, forse 500, da distribuire presso i reggimenti dell’esercito in periodo prebellico.


COMPENSATORI PRIMO DETECTOR

COMPENSATORI SECONDA RF

COMPENSATORI PRIMA RF


ACCESSO COMPENSATORI OSCILLATORE

CONDENSATORE VARIABILE – LAMELLE TARATURA –
CIRCUITI ACCORDATI – PRIMA E SECONDA RF E DETECTOR –

COMPONENTI ORIGINALI 
I FAMIGERATI SCATOLINI AEROVOX
TRIPLO CONDENSATORE AEROVOX

Si vede la costruzione fatta da un singolo montatore, saldature fatte dalla stessa mano e componenti non sempre saldati dritti. A questo punto, ho deciso di rimetterlo in funzione a tutti i costi, data la rarità dell’oggetto e la sua quasi totale integrità, tra l’altro. Ogni parte è stata smontata e controllata, rimessa in ordine e rimontata, compresi i cassetti contenenti i circuiti accordati di ogni stadio di amplificazione (prima e seconda amplificatrice RF e primo detector): In questi cassetti, oltre a quello dell’oscillatore rf, c’è il vero e proprio cuore del ricevitore; i circuiti accordati consentono di poter sintonizzare ogni stadio in modo acuto e selettivo grazie ad un sistema di induttanze e compensatori per ogni singolo stadio e per ogni singola gamma.


COMPENSATORE DI ANTENNA
IL BELLISSIMO CONDENSATORE VARIABILE

MEDIA FREQUENZA 1

MEDIA FREQUENZA – CONDENSATORI MICAMOLD –

FILTRO A CRISTALLO


BFO E TRIODO 6C5 OSCILLATORE

BFO – BOBINA OSCILLATORE –

Non ci sono bobine in comune e tantomeno compensatori comuni per più bande; tutto è separato ed indipendente. Nel cassetto dell’oscillatore troviamo il triodo 6C5 amplificatore e generatore e al di sopra di ogni cassetto di sintonia, troviamo una valvola: due 6K7 amplificatrici RF ed una 6L7, primo detector. A seguire ci sono ancora due 6K7, amplificatrici di MF, una 6R7 amplificatrice di BF, detector e AVC e la 6F6 finale di BF. Un’ altra 6C5 è contenuta nel BFO e serve a generare il segnale a 470 KHZ da inviare alla prima MF per generare il necessario battimento e decodificare i segnali in CW ed SSB.


CASSETTO CIRCUITI ACCORDATI

INNESTO AL TELAIO

INNESTO CAMMES ROTANTE COMMUTATORE GAMMA


APERTO

BOBINE E TIMBRI COLLAUDO

COMPONENTI E CABLAGGIO

In questo ricevitore è presente il filtro a cristallo che venne successivamente eliminato. Questo utilissimo filtro consente di ricevere segnali in CW con una pulizia veramente notevole, potendo stringere la banda in modo molto acuto ma evidentemente venne reputato non utile e nel foro del pannello, trovò posto il reostato per la regolazione della luminosità delle lampadine scala.

INDICAZIONE PER IL MONTATORE


11 LUGLIO 1945 – RICAMBIO –
25 FEBBRAIO 1944

ISPETTORE NUMERO 33

L’estrazione dei cassetti di sintonia è piuttosto difficoltosa: va sollevata o del tutto rimossa la piastrina dove si trovano le tre valvole Rf e detector, dissaldate tutte le connessioni dei cassetti, sfilata la cammes che dà movimento ai commutatori contenuti nei cassetti e nell’oscillatore (senza muoverli!!!), allentate le 12 vitine che tengono i cassetti fissati al telaio e finalmente si possono togliere. L’interno è un vero capolavoro di elettromeccanica che ho documentato con delle foto.

INTERNO CASSETTO

BOBINE E COMMUTATORE


OSCILLLATORE

OSCILLATORE 2

BOBINE E COMMUTATORE


COMPENSATORI OSCILLATORE

Anche l’oscillatore è estraibile, più o meno nello stesso modo. All’interno di ogni bobina dell’oscillatore troviamo, però, una semispira che serve ad ottenere la massima risonanza su ogni singola gamma: spostando dentro e fuori la semispira, cambia l’induttanza e quindi la risonanza del circuito.

AVVOLGIMENTO BOBINA GAMMA A


SEMISPIRA DI ACCORDO -presente in ogni bobina –

OSCILLATORE – PARTICOLARE MECCANICA COMMUTAZIONE GAMMA –

MODULO B.F.O.

B.F.O. 2

FILTRO A CRISTALLO 1

In questo apparecchio è ancora presente l’uscita cuffia FIRST AUDIO, poi eliminata e mai riapparsa in tutti i successivi modelli. Ho ricostruito l’alimentatore nella sua cassettina originale, adattato alla tensione di 220 volts, naturalmente. Per nota, la MF è a 470 Khz ed informo i possessori di questi bellissimi apparecchi che, se non lo avessero già fatto, è il caso di controllare ma meglio è sostituire tutti i condensatori contenuti nelle scatoline AEROVOX in quanto soggetti a corto circuito o forte perdita.

CRISTALLO OSCILLANTE A 470 KHZ

FILTRO A CRISTALLO – COMPONENTI –


FILTRO A CRISTALLO – COMPENSATORE –

AEROVOX – 3 X .05 MFD 300 VOLTS

L’ INTROVABILE COMMUTATORE AVC – MVC


RELE’ DI COMMUTAZIONE

In più, ci sono dei componenti MICAMOLD che sembrano condensatori e leggendo il codice a colori, se ne ricava una capacità che non è presente nell’elenco componenti semplicemente perché…. sono resistenze da 500 Ohm 1 watt e lo si capisce dalla piccola R bianca stampigliata su un lato del contenitore; attenzione, quindi, a non impazzire per sostituire un condensatore, che condensatore non è. Ho ritenuto giusto presentare questo apparecchio, di cui si è già parlato, perché prima di demolire, è sempre meglio tentare il recupero e questo apparecchio ne è la riprova.

BASE CON COMPONENTI ORIGINALI


CONDENSATORI MICAMOLD

MICAMOLD – SEMBREREBBE UN CONDENSATORE MA E’ UNA RESISTENZA –

Spero che sia stato interessante vedere come siano stati costruiti alcuni dei componenti vitali di questa radio e mi auguro che le immagini possano essere utili in caso di riparazione o restauro.

Paolo Pierelli