lunedì 20 Settembre 2021
NEWS:
Home > A CUORE APERTO > A cuore aperto: APPARATO TELEFONICO NORMALIZZATO DA CAMPO Modello G.A. 1931 (1931)

A cuore aperto: APPARATO TELEFONICO NORMALIZZATO DA CAMPO Modello G.A. 1931 (1931)

Stavo per iniziare la nuova collaborazione con una radio “domestica” ma andando al laboratorio, mi sono imbattuto in un oggetto, italiano, che mi ha fatto riflettere sul fatto che le comunicazioni militari non si svolgessero solo via radio ma anche via telefono, soprattutto molti anni fa e così, visto che apparati militari italiani non ne trattiamo granché e non ce ne sono molti, ho pensato di fare uno strappo alla promessa e di aprire questo bellissimo “APPARATO TELEFONICO NORMALIZZATO DA CAMPO Modello G.A. 1931”, costruito dalle officine Savigliano.


G A 1931 CHIUSO

G A 1931 APERTO

TARGHETTA IDENTIFICATIVA

FABBRICANTE Officine Savigliano

NORME DI UTILIZZO

SCHEMA

Progettato nel 1930 e messo in servizio l’anno successivo, il G.A. 1931 è il tipico telefono campale italiano.


CONSOLE OPERATIVA E CORNETTA

ISTRUZIONI CONVERSAZIONE


COLLEGAMENTO PER SECONDO APPARECCHIO

Venne costruito dalla SOCIETA’ NAZIONALE DELLE OFFICINE DI SAVIGLIANO – TORINO” per il Genio e l’Artiglieria e di qui le lettere G. A. Costruito interamente in un mobiletto in legno, è un apparecchio molto robusto, ben assemblato e tutt’ora funzionante.


COSTRUTTORE CORNETTA Officine Perego Milano

RICEVITORE


MICROFONO mancante capsula a carbone

INTERNO MICROFONO

Aprendo lo sportello frontale, troviamo la cornetta, costruita però dalla PEREGO di Milano, che ha un pulsante da “TENERE PREMUTO CONVERSANDO”, come scritto sull’impugnatura, ci sono poi i morsetti di linea, due pulsanti di cui quello rosso per il CONTROLLO DI LINEA (premendolo e girando il generatore di chiamata, l’indicatore ottico, simile ad un occhio magico, deve rimanere chiuso) e quello bianco di PROVA APPARATO (premendolo e girando il generatore, si deve udire lo squillo della suoneria).


PROVA LINEA TELEFONICA

MORSETTI LINEA


CORNETTA E CUFFIA

CUFFIA

COSTRUTTORE CUFFIA Officine Savigliano

CUFFIA APERTA

Accanto ai pulsanti troviamo il deviatore per l’uso SINGOLO “S”, senza cuffia e DOPPIO “D”, con cuffia ausiliaria ed accanto al deviatore trovano posto anche i morsetti per la pila esterna, utilizzata per alimentare un secondo apparecchio quando il primo fosse stato utilizzato come apparecchio di controllo.

COMANDI ED INDICATORE ELETTROMAGNETICO EFFICIENZA LINEA


MORSETTI PILA ESTERNA

DEVIATORE DOPPIO – SINGOLO PER CUFFIA ADDIZIONALE


PULSANTE PROVA APPARATO

PULSANTE PROVA LINEA

INDICATORE ELETTROMAGNETICO

Nello stesso vano, si trova una cassettina in cui sono contenuti i cavetti di collegamento ad un secondo apparecchio (controllo e conversazione) e la cuffia, dotata di una cinghia da stringere intorno alla testa, assai scomoda, devo dire.

CUFFIA – gruppo elettromagnetico

CASSETTINA ACCESSORI


ACCESSORI

JACK COLLEGAMENTO


CAVETTI INSERZIONE SECONDO APPARECCHIO

CUFFIA E CINGHIA FISSAGGIO

Sullo sportello troviamo lo schema e le istruzioni per l’uso. Sul lato destro c’è la manovella del generatore di chiamata che ancora eroga ben 110 volts circa; sul lato sinistro trova posto il morsetto di terra. Sul retro c’è il vano batteria al di sopra del quale si vede il cablaggio di parte del telefono, gli importantissimi scaricatori a carbone, contro le sovratensioni di linea.


CUFFIA particolare fissaggio cinghia

MATRICOLA APPARECCHIO


ACCESSORI RIPOSTI NELLA CASSETTINA

CASSETTINA CHIUSA

G A 1931 VANO BATTERIA E SPORTELLO CIRCUITO

PRESE ARIA VANO BATTERIA

L’alloggiamento della pila di alimentazione, ad acido solforico, ha risentito delle esalazioni di questo e lo schema di cablaggio, fatto in lamina di alluminio, fissato all’interno dello sportellino è quasi del tutto corroso.


SCHEMA COLLEGAMENTI PER APPARECCHIATORE

SCHEMA 2

SCHEMA 3

SCHEMA 4

SCHEMA 5


SCHEMA CORROSO DALL’ACIDO DELLA BATTERIA

Lo sportello accanto dà accesso al circuito vero e proprio, alla suoneria ed al generatore per la chiamata. Sono visibili anche i componenti, tutt’ora originali, che completano il circuito.


VANO BATTERIA INTERNA

MORSETTO TERRA – JACKS E SCARICATORI


INDICATORE ELETTROMAGNETICO posteriore

CIRCUITO – GENERATORE MANUALE CHIAMATA


GENERATORE particolare deviatore linea – chiamata

MORSETTI COLLEGAMENTO GENERATORE

Insieme al telefono veniva, a volte, fornita la “CASSETTINA DI CHIAMATA PARTICOLARE” che, collegata opportunamente ad una seconda linea, ne evidenziava le chiamate in arrivo e ne consentiva le uscenti e, collegando i due jacks forniti con il telefono, si potevano gestire due linee col medesimo apparecchio.


RESISTENZA LINEA

IMPEDENZA

IMPEDENZA 2


CONDENSATORI BLOCCO

CONDENSATORI MICROFARAD 1931


BLOCCO SUONERIA E COMPONENTI

AVVOLGIMENTO ELETTROMAGNETI SUONERIA Savigliano.

CAMPANELLI


MANOVELLA CHIAMATA

La tensione delle pile era di 6 Volts, la durata arrivava anche a sette giorni e la lunghezza massima delle linee bifilari poteva raggiungere i due chilometri circa.


MORSETTO TERRA

UTILIZZO A SPORTELLO CHIUSO

CASSETTINA CHIAMATA –  PARTICOLARE


COSTRUTTORE non leggibile

MORSETTI LINEA

CAMPANELLI

Si poteva usare, per distanze inferiori, un solo filo e la presa di terra.


MANOVELLA CHIAMATA

GENERATORE DI CHIAMATA da restaurare

GRUPPO ELETTROMAGNETI SQUILLO


CABLAGGIO ORIGINALE

BATTENTE CAMPANELLI

CAMPANELLI

Spero che questo bell’apparecchio, anche raro, sia di interesse per gli amici appassionati.

Paolo Pierelli